< 

termini

 > 
 < 

elezioni

 > 

Le elezioni sono il mezzo in cui le democrazie "misurano" la volontà popolare per attribuire il potere politico. Ovviamente il meccanismo elettorale é di fondamentale importanza per il corretto funzionamento di ogni democrazia: errori o brogli elettorali possono infatti attribuire il potere politico a chi non ne avrebbe diritto. I nostri antenati sapevano ciò molto bene ed infatti pretesero che le procedure di conteggio dei voti fossero pubbliche e verificabili.

Nel XXI secolo tuttora necessitiamo che le procedure di conteggio dei voti siano pubbliche e verificabili. Solo in questo modo possiamo sperare di avere risultati elettorali che veramente rispecchiano la volontà popolare anche qualora le elezioni fossero gestite disonestamente dai governi in carica oppure falsificate da politici, gruppi di interessi economici, organizzazioni criminali, gruppi terroristici o addirittura nazioni straniere.

Affinchè la Democrazia possa esistere é assolutamente necessario che il meccanismo elettorale contemporanemente

  1. ammetta al voto solo coloro che ne hanno diritto
  2. garantisca la veridicitá e la verificabilità dei risultati
  3. grantisca la segretezza del voto

L' aggettivo verficabile (punto 2) è estremamente importante e significa che non ci fidiamo passivamente del modo in cui i voti sono raccolti e contati, ma che possiamo veramente controllare i risultati. Non importa quanto possa essere perfetto il meccanismo elettorale, se i risultati non fossero verificabili dovremmo fidarci di qualsiasi numero ci venisse dato e nessuno potrebbe indicare questo con il termine democrazia .

La segretezza (punto 3) è necessaria perchè la sola esistenza di file o tabulati nominativi con i voti espressi sarebbe di per se la fine della libertá di voto perché gli elettori temerebbero che prima o poi le loro scelte possano in qualche modo essere note (e quindi di doverne magari subire conseguenze). Questo non è un problema teorico, ma ben reale in molte parti del mondo in cui criminali (e/o i governi, e/o i politici) hanno abbastanza potere da poter imporre alla gente di votare in un certo modo. Qualsiasi forma di rivelazione delle preferenze di voto potrebbe essere usata anche per discriminare quando si offrono posti di lavoro, appalti, avanzamenti di carriera, etc.

Non è possibile dare agli elettori alcuna "ricevuta" della loro scelta elettorale perchè

  • gli elettori potrebbero essere indotti a vendere il proprio voto dato che potrebbero dimostrare per chi hanno votato
  • queste "ricevute", qualsiasi forma possano avere, potrebbero essere usate per verificare se l' elettore sottoposto a pressioni illecite abbia veramente votato come gli è stato ordinato: è facile immaginarsi un criminale (o anche un assessore) mentre controlla la ricevuta di voto di un intimidito elettore.

Il meccanismo elettorale non é un dettaglio tecnico, ma é il vero cuore della democrazia e quindi DEVE essere ben compreso ed accettato da tutti noi.

Un ottimo esempio di controllo democratico sulle procedure e sui risultati delle elezioni é quello italiano cui siamo abituati dal dopo guerra.