< 

termini

 > 
 < 

controllo democratico

 > 

Tutte le Costituzioni democratiche dicono che il potere appartiene al popolo. Esse aggiungono che il popolo delega il potere a dei rappresentanti che, per un certo tempo, guidano la nazione in nome del popolo stesso.

Per "controllo democratico" si intende il controllo che il popolo esercita sui propri rappresentanti: come sono eletti e come si comportano una volta che siedono nei Parlamenti e nei Governi. Senza controllo democratico la democrazia può facilmente degenerare in oligarchia o dittatura.

TUTTI i cittadini devono poter esercitare il loro controllo democratico sulle istituzioni pubbliche, quindi tale possibilità non deve dipendere da specifiche conoscienze o competenze

Per questo motivo le elezioni, che sono il cuore di qualsiasi Democrazia, devono avere a che fare con oggetti tangibili e leggibili da tutti, altrimenti la loro verifica sarebbe impossibile a chi non fosse capace, ad esempio, di usare i computer o di interpretare stringhe di byte.

sulle elezioni elettroniche non è possibile alcun controllo democratico perchè, ad esempio, per accorgersi che sono avvenuti errori è necessario conoscere approfonditamente l' hardware ed il software di voto, ma ciò richiede approfondite competenze tecniche di cui non tutti dispongono.

il controllo democratico è possibile sulle elezioni cartacee perchè chiunque può verificare i voti cartacei essendo le schede oggetti tangibili e leggibili da tutti a occhio nudo.

Un esempio di come possa essere realizzato un ottimo controllo democratico sulle elezioni sono

le nostre solite vecchie e care procedure cartacee che non ci hanno mai dato alcun vero problema.

 < 
controllo democratico
 >