Al fine di superare il problema teorico della impossibilità di verificare risultati elettronici, vengono suggerite alcune presunte soluzioni:

  1. Voter Verified Balloting Leggi VVPAT.
  2. La possibilità che gli elettori verifichino il proprio voto. Se gli elettori verificassero come il loro voto è stato memorizzato, allora i risultati elettorali sarebbero automaticamente verificati. Io credo che questa soluzione non è praticabile perchè per avere la certezza del risultato sarebbe necessario che

    Inoltre non possiamo costruire alcun sistema che possa permettere agli elettori di verificare come è memorizzato il proprio voto perchè:

I risultati elettorali elettronici NON sono verificabili!

Poichè il voto deve ovviamente essere segreto, allora il modo di scrutinarlo, il modo di contare i voti, deve essere completamente aperto e visibile, altrimenti la gente perde la possibilità di verificare i risultati. L' unico modo di avere ciò è di scrutinare in pubblico schede di carta!

Guarda caso sono proprio le procedure di voto adottate fino ad oggi da tutte le democrazie liberali: espressione di voto scritta in segreto su una scheda anonima che viene prima mischiata a centinaia di altre schede dello stesso tipo e poi scrutinata in pubblico insieme alle altre.

Le schede cosí prodotte sono oggetti materiali tangibili, leggibili ad occhio nudo, anonimi, duraturi nel tempo e quindi verificabili in seguito. Le procedure di scrutinio, se il controllo pubblico è effettivamente esercitato, garantiscono che tutte le schede del seggio siano regolarmente interpretate. In questo modo gli elettori hanno la certezza che i propri voti siano bene interpretati anche se l'anonimato delle schede non permette loro di identificare il proprio, o altrui, voto durante lo scrutinio. I risultati dello scrutinio di ogni seggio sono numeri visibili ad occhio nudo, ed essendo pubbliche anche le procedure di somma, sono verificabili da tutti anche le somme ai vari livelli di aggregazione dei risultati (comune, provincia, regione, nazione).

Le procedure pubbliche e ripetibili (e perciò voti che siano oggetti tangibili, come le schede) sono l'unico sistema idoneo a garantire l'anonimato ed assicurare il corretto computo dei voti.